Specialistica ambulatoriale, i nuovi ticket in vigore

Prato. 30.08.2012. Dal 3 Settembre 2012, ai sensi di quanto disposto dalla Regione Toscana con Delibera n. 753 del 10/08/2012, cambiano le tariffe per i ticket aggiuntivi (le cosiddette “quote ricetta”) per la specialistica ambulatoriale e per i ticket sui farmaci.
Inoltre, è stato introdotto un contributo sulla digitalizzazione delle procedure di diagnostica per immagini.

Ticket aggiuntivo su ricette (quota ricetta)
Il ticket aggiuntivo è proporzionato al reddito familiare o in alternativa all’indicatore ISEE

  1. Reddito familiare fiscale, come risulta nella dichiarazione dei redditi. Esso è costituito dal cumulo dei redditi del dichiarante, del coniuge e dei familiari a carico. Il reddito autocertificato è oggetto di successivo accertamento.
  2. Indicatore ISEE se posseduto. L’attestazione deve essere esibita al personale di accettazione.

Durante questa fase di applicazione i due parametri (il reddito autocertificato o l’attestazione ISEE) sono alternativi e rapportati alle medesime fasce economiche.

I cittadini segnalano l’appartenenza ad una delle fasce economiche indicate compilando e firmando una dichiarazione per autocertificare il reddito familiare fiscale oppure una attestazione relativa all’Isee esibito.

Sono esclusi dal pagamento del ticket aggiuntivo:

  • gli assistiti con reddito familiare fiscale o indicatore ISEE fino a € 36.151,98
  • le ricette relative a prestazioni specialistiche di importo complessivo non superiore a € 10
  • gli assistiti già esenti per le prestazioni specialistiche
Fasce di reddito fino a € 36.151,98 da € 36.151,99
a € 70.000
da € 70.001
a € 100.000
oltre € 100.000
Specialistica ambulatoriale € 0 € 10 € 20 € 30
RMN e TAC € 0 € 10 € 24 € 34
Prestazioni a cicli € 0 € 10 € 24 € 34
Pacchetti ambulatoriali di medicina fisica e riabilitazione € 0 € 32 € 52 € 82
Chirurgia ambulatoriale e diagnostica per immagini
(Pet e scintigrafie)
€ 0 € 15 € 30 € 40

Digitalizzazione delle procedure diagnostiche per immagini
Viene introdotto un contributo di 10 euro per la digitalizzazione delle procedure diagnostiche per immagini (produzione, archiviazione, trasmissione dell’immagine), che interessa quindi gli esami ecografici e radiodiagnostici.

Sono esentati dal contributo di 10 euro:

  • i titolari di assegno sociale e loro familiari a carico (codice di esenzione E03)
  • i titolari di pensione minima (codice di esenzione E04)
  • gli invalidi di guerra titolari di pensione vitalizia (codice di esenzione G01-G02)
  • gli invalidi per servizio (codice di esenzione S01-S02-S03)
  • gli invalidi civili al 100% e i grandi invalidi per lavoro (codice di esenzione C01-C02-L01-C04)
  • i danneggiati da vaccinazione obbligatoria, trasfusioni, somministrazione di emoderivati, limitatamente alle prestazioni necessarie per la cura delle patologie previste dalla legge 210/1992 (codice di esenzione N01)
  • le vittime del terrorismo e della criminalità organizzata e familiari (codice di esenzione V01-V02)
  • i ciechi e i sordomuti (codice di esenzione C05-C06)
  • gli ex deportati da campi di sterminio titolari di pensione vitalizia (codice di esenzione G01)
  • gli infortunati sul lavoro per il periodo dell’infortunio e per le patologie direttamente connesse (codice di esenzione L04)
  • i disoccupati iscritti agli elenchi anagrafici dei Centri per l’impiego e i familiari a carico (codice di esenzione E02 – E90)
  • i lavoratori in mobilità e i familiari a carico (codice di esenzione E92)
  • i lavoratori in cassa integrazione straordinaria e i familiari a carico (codice di esenzione E91)
  • i lavoratori in cassa integrazione “in deroga” (codice di esenzione E91)

Fonte: Regione Toscana

Per ulteriori informazioni e contatti:
e-mail: ticket.sanita@regione.toscana.it
numero verde: 800 556060
(servizio offerto dalla Regione Toscana, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 15.00)

Questa voce è stata pubblicata in In evidenza, News e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.